Cosa fare quando il gatto graffia?

Cosa fare quando il gatto graffia?

Cosa fare quando il gatto graffia?

Tempo di lettura: 2 minuti

Non tutti i gatti sono socievoli e a dirla tutta, sono pochi i gatti ad esser affettuosi e alla ricerca di coccole da parte dei padroni. Ci sono i gatti che graffiano e addirittura che soffiano, sia a perfetti sconosciuti che in rari casi, anche ai propri padroni. Ma a questo punto cosa fare quando il gatto graffia? Scopriamolo insieme.

Alla scoperta dei gatti

Il gatto per sua natura è un animale poco socievole e molto indipendente. Sia nei confronti di perfetti sconosciuti sia nei confronti dei propri padroni, spesso non fidandosi graffiano o soffiano contro di loro.

Per questo motivo è importantissimo capire quanto prima il perché e cosa fare quando il gatto graffia.

In realtà i gatti non sono del tutto lunatici come sembra, anzi molte volte dietro ai loro comportamenti si nascondono dei segnali che noi padroni fatichiamo a percepire. Volendo analizzare le cause che portano un gatto a graffiare possiamo analizzare vari motivi.

Una causa di questo comportamento può essere dovuta a problemi ormonali, oppure perché magari lo stiamo accarezzando in una zona indesiderata o semplicemente perché per loro un graffio o un morso è sinonimo di gioco con i loro padroni. Le cause sono tante, ma ora vediamo cosa fare quando il gatto graffia.

Cosa fare quando il gatto graffia?

Sarebbe essenziale agire in modo preventivo, ovvero arginare questo problema quando il gatto è ancora piccolo. Se così non fosse, è buona prassi osservare il nostro gatto per capire i suoi segnali, soprattutto se già adulto. Infatti prima di arrivare all’aggressività vera e propria ogni gatto ci lancia i segnali elencati in precedenza che si manifestano con l’irrigidimento del corpo, il muovere nervosamente la coda, il fatto di iniziare a soffiare e a mormorare insofferente.

Capiti questi segnali, è inutile da parte nostra impuntarsi a coccolarlo a tutti i costi. Un aiuto importante al contrario, è quello di rivolgersi ad uno specialista in comportamento per correggere eventuali atteggiamenti aggressivi.

 

 

Nessun commento

Lascia un commento